venerdì 14 settembre 2007,09:17
Mattatoio N.5
Nella mia camera al motel sfogliai la Bibbia sul comodino in cerca di storie di grandi distruzioni. Il sole si era levato sulla Terra quando Lot entrò in Zo-ar, lessi. Poi il Signore, dal cielo, fece cadere su Sodoma e Gomorra una pioggia di zolfo e di fuoco; e abbatté quella città, e tutta la pianura, e gli abitanti delle città, e ciò che cresceva sulla terra. Così va la vita. Era gente spregevole, quella di Sodoma e Gomorra, come tutti sanno. Il mondo stava meglio senza di loro. E alla moglie di Lot, naturalmente, fu detto di non voltarsi indietro a guardare il luogo dove prima c'era tutta quella gente con le sue case. Lei invece si voltò, e per questo io le voglio bene: perché fu un gesto profondamente umano. Così fu trasformata in un pilastro di sale. Così va la vita. La gente non dovrebbe mai voltarsi indietro. Sicuramente, io non lo farò più. Ora ho finito il mio libro sulla guerra. Il prossimo che scriverò sarà divertente. Questo è un disastro, e non poteva essere altrimenti, poiché è stato scritto da un pilastro di sale. Comincia così: Ascoltate: Billy Pilgrim ha viaggiato nel tempo. E finisce così: Puu-tii-uiit?

da Mattatoio N.5 - Kurt Vonnegut

 
scritto dalla vale* Permalink ¤


4 Commenti:


  • At 14 settembre, 2007 11:08, Anonymous Beppe

    Ciao Vale,
    sapessi il piacere di questo post!
    Ti è piaciuto? Spero di sì!
    Io credo che sia un libro meraviglioso. L'ho riletto mentre cercavo una contro-citazione da spedirti. Come vedi non ci sono riuscito: è difficile sceglierne un pezzo solo. Anche se è un libro frammentatissimo, tutto pieno di salti temporali, è straordinariamente unito e coerente. Quella matafora della statua di sale che tu hai riportato è molto efficace, forse però potresti postarlo tutto così uno, se vuole, se lo legge.
    E' talmente divertente e talmente commovente che ti entra dritto nel cuore. Saluti.

     
  • At 14 settembre, 2007 11:27, Blogger vale*

    Questo post risponde a una domanda: "come scegli i libri che leggi?".

    Il libro mi è piaciuto molto. Mi sarebbe piaciuto leggerlo in un altro momento, cioè, poterlo leggere tutto in un giorno, proprio perché, come dici tu, è frammentario. Nonostante abbia dovuto diluirlo in una settimana però,(anche se l'ultima metà in realtà l'ho divorata ieri sera tardi)alla fine si ha una buonissima visione d'insieme e come ho detto a mio padre ieri sera, mai avuto tra le mani un libro che riesca a far apparire la guerra così inutile in un modo così efficace. Divertendo e commuovendo per di più. Ottimo consiglio, grazie.

     
  • At 19 settembre, 2007 22:14, Anonymous Anonimo

    CATE:
    ho letto mattatoio n.5 quest'estate, mi ha commossa. sono contenta che sia piaciuto anche a te.

     
  • At 20 settembre, 2007 14:34, Blogger vale*

    Oh, Cate! Mi dai sempre soddisfazione..:)un bacione!