venerdì 13 luglio 2007,00:07
...e che succederà se poi
In silenzio, forse arrossendo, ti osservo così da vicino, ascolto la tua voce così profonda e ripenso a quelle parole leggere come il vento, forse mai scritte, forse mai pensate.
Mi incuriosisce la piega delle tue labbra, l'espressione chiusa nei tuoi occhi umidi.
Quei due giorni sospesi nel tempo, è più semplice sognare che non siano mai esistiti.
Un sogno lontano, come una canzone sussurrata, perchè i nostri cuori non disturbassero il silenzio.
 
scritto dalla vale* Permalink ¤


0 Commenti: