lunedì 28 maggio 2007,14:10
I disappear
Il tempo di scomparire.
Il tempo di pensare che sei qualcuno e che questo qualcuno è difficile da conoscere.
Il tempo in cui decidi di crescere e le cose cambiano, anche se non è quello che vorresti...ma in fondo non è mai andata come avresti voluto tu.

Uno stillicidio.
E mentre la strada si bagna, cammino e i piedi nelle pozzanghere grigie si inzuppano.
E se voglio dormire, se trovo il silenzio, fuori sta ancora piovendo e il rumore insistente batte sulle mie tempie. Lentamente mi spengo.
Gli occhi non sono verdi, le mani sono rovinate, la testa fa male. Le lacrime sono amare.
Continua a piovere e sono bagnata.

Il tempo di aprirti e tutto sgorga come uno scroscio di pioggia in una stupida giornata primaverile di maggio.
Il tempo di sentire il dolore e di chiederti se forse sei malata.

Ma quella prima frase non arriva.
E' come avere un blocco di marmo bianco, senza nervature, solido e amorfo, che pesa sulla testa, che chiude con la sua massa invadente tutti i cassetti.

Non esiste più bottiglia, non esiste più cielo, non esiste più sapone o caffé.
Non esisti più. La crepa si è richiusa, con uno spasmo.
Perché?

Sto bussando, non senti?
Fuori piove, io sono bagnata.
Sto bussando,
ma nessuno sente il mio pugno di sabbia.
Forse la mia malattia.

"Libera tutto ciò che scalpita. Sempre."

Ma qual è il prezzo da pagare?
Nessuno me l'ha spiegato.

Il tempo di scomparire.

Listening to: La guerra è finita - Baustelle
 
scritto dalla vale* Permalink ¤


1 Commenti: