sabato 14 aprile 2007,15:07
Eppur mi son scordata di te
Respiri recisi.
Riflessi smorzati.
Apro gli occhi, su un cielo pesante e grigio.
Scorrono campi coltivati, terra bagnata.
Immagini veloci e inafferrabili di un altrove distante e segreto.
Passeggio stringendo una mano.
Impalpabile, in un dove privo di tempo e di luogo.
Un'ombra senza volto.
Parole sussurrate, divorate, conservate.
Flebili sospiri di un cuore indebolito dall'attesa.
Un sussulto e senza voce sei Principe del mio Nulla di carne e sangue.
Saremo insieme nella nebbia e allora tu svanirai nel vapore di un sogno infranto.
 
scritto dalla vale* Permalink ¤


0 Commenti: