venerdì 28 luglio 2006,11:54
Per la vita che a volte non è come quella sognata
Adoro questo stato.
In bilico, proprio lì, sull’orlo del burrone, che se arriva un soffio di vento cado di sotto e non mi rialzo più.

“forse fa male eppure mi va
di stare collegato
di vivere di un fiato
di stendermi sopra al burrone
di guardare giù
la vertigine non è
paura di cadere
ma voglia di volare”
[1]

Eppure sto bene, ma bene come non stavo da mesi.
E parlo di mesi, non di giorni o settimane…mesi interi!
Ora mi sento una stupida se ci ripenso. Come potevo essermi conciata così??
Eppure, a differenza di adesso, mi ero anche premunita di un paracadute. Se un paio di mesi fa fosse arrivato il vento, sarei caduta, ma avrei avuto i mezzi per rialzarmi, e in fretta anche.
Ma stavo peggio, decisamente peggio.

Adesso è tutto chiaro.
So perché fino all’una e mezza di notte non mi addormento…non perché non ho sonno, ma perché non ho voglia di dormire: tempo sprecato.
Chissenefrega se domani devo farmi 1400 e più metri di dislivello?
Ho il cielo stellato e ho voglia di ascoltarmi. Ed è stata la mossa migliore da dicembre a qui.
Ascoltarmi, santo cielo! Fare ordine e pulizia. Era così difficile??
Libera.

“..e svegliarsi la mattina…”
[2]

Oh, ma non è tutto merito mio!
No no, tu sei stato esemplare. Al momento penso di averti odiato, ma mi rendo perfettamente conto che non avresti potuto fare di meglio…e per questo ti ringrazio ancora.
Perché sono libera, te ne sei andato, il primo prigioniero d’inchiostro che ha scoperto come liberarsi dalla mia nera e liquida ragnatela. Bravo.

“vedrai, vedrai che alla fine
uno squallido grazie lo avrai, lo avrai
quel sorriso di circostanza
vedrai ...”
[3]

E ringrazio anche te, l’hai scalfito, non so come, ma l’hai scalfito!
Temevo di rimanere imprigionata lì dentro per sempre, invece adesso entra l’aria…buonissima aria.
Respiro a pieni polmoni, adesso posso.
Mi ubriaco di quest’aria, come se la avvertissi per la prima volta.

“se le parole fossero una musica potrei suonare ore ed ore, ancora ore e dirti tutto di me”
[4]

Sto bene, bene sul serio.

“Sì viaggiare
evitando le buche più dure,
senza per questo cadere nelle tue paure
gentilmente senza fumo con amore
dolcemente viaggiare
rallentare per poi accelerare
con un ritmo fluente di vita nel cuore
gentilmente senza strappi al motore”.
[5]

[1] Mi fido di te - Jovanotti

[2] Svegliarsi la mattina - Zero Assoluto
[3] Venere - Carmen Consoli
[4] Oggi sono io - Alex Britti
[5] Sì viaggiare - Lucio Battisti
 
scritto dalla vale* Permalink ¤


0 Commenti: