sabato 17 giugno 2006,16:32
Una panchina

Mi sono seduta su una panchina, una panchina che non avevo mai notato.
Mi sono immaginata seduta su quella panchina, non sola, ma con lui.

In quel momento non mi interessava l'identità di quel lui, era semplicemente il mio amore.
Mi avrebbe portata su quella panchina, in una notte di mezza estate, con una pizza tagliata a fette dentro un cartone.Una volta finita la pizza, saremmo rimasti lì abbracciati per un po'.

Dopo avrebbe tirato fuori dal suo zainetto una bottiglia di champagne e delle fragole.
In sottofondo un brano di musica jazz.
Avremmo brindato al nostro amore.
Ci saremmo baciati.
Inebriati dalle bollicine, ingolositi dal sapore dolce e un po' aspro delle fragole.
Saremmo stati per mano su quella panchina, mai stanchi dei nostri baci, ebbri di felicità, colmi d'amore.
 
scritto dalla vale* Permalink ¤


0 Commenti: